Origine: Cina
Produttore: ?
Acquistato da: Namastey – Tè Rosso

E’ vero compro molto online, soprattutto oggi come oggi dove il tè è diventato di moda e di conseguenza sempre più caro e costoso. Fino a qualche anno fa compravi a poco tè di qualità altissima, oggi invece è una lotta; una lotta che non è neppure facile da vincere. Non di meno comprare on line è una risorsa indispensabile per gli amanti del tè che non hanno la possibilità né di andare direttamente nelle aziende, nel scegliersi un’azienda produttrice, né per coloro i quali non abbiano un vero negozio di tè vicino casa. Va sottolineato vero, perché gli improvvisati sono molti: spesso le erboristerie e le farmacie farebbero meglio a non dare consigli sul tè, e riciclando luoghi comuni, vendono prodotti di qualità men che dubbia.

Eppure per quanto sia comodo e buono comprare on line, l’esperienza del negozio di tè è tutt’altra cosa. La condivisione, lo scoprire, l’odorare, il provare magari un assaggio in tazza, o, semplicemente l’ascoltare un consiglio o un’esperienza dal negoziante o da qualcuno degli altri avventori. Tutte queste cose sono impagabili. Non mi stancherò mai di scriverlo: tè è condivisione, è dividere un pezzo della propria anima, del proprio sentire con qualcuno. E questo che mi capita quando entro in posti come Biblioteq o Namastey e magari ne approfitto per fare una chiacchierata con altri appassionati di tè, con persone che ci mettono il cuore in quello che fanno, in quello che vendono, con persone che non sono solo dei negozianti, ma prima di tutto sono amanti del tè.

Seguiranno nelle prossime settimane alcuni tè, presi con immenso piacere, da Namastey, tè in qualche modo consigliati, o forse dovrei sire meglio, scelti con il prezioso aiuto di Daniela.

Dian Hong – Namastey (photo © Christian Nicita)

Dian Hong – Namastey (photo © Christian Nicita)

4,50 gr in teiera di vetro da 210 ml (7oz) acqua Sant’Anna sorgente Rebruant 90

I – 30’’ :: Di color ambra, con riflessi d’orati.
Intenso, ampio, con riconoscimenti nettissimi di cacao dolce, miele di sulla, note agrumate quasi candite di limone ed arancia, un punta di vegetalià con note di pomodoro in cottura, speziatura accenni di macis e chiodo di garofano, minerale con ricordi di terra nera vulcanica, presenza di floreale appena accennata geranio e lievi tocchi di rosa, chiude un nuance lievemente affumicata.
Lasciato raffreddare quel tanto che basta in bocca si presenta lieve, quasi inconsistente all’ingresso. Fresco, sapido e tannico, anche se non si direbbe, perché gli elementi si equilibrano perfettamente nascondendosi l’un l’altro durante l’assaggio per rivelarsi sul lunghissimo finale di bocca tessendo una tela la cui trama sono le sensazioni tattili e l’ordito quelle gustative che richiamano tutto ciò che si è percepito durante l’analisi olfattiva con l’aggiunta di una più marcata presenza di fine sapidità e elegantissima tannicità.

Dian Hong – Namastey (photo © Christian Nicita)

Dian Hong – Namastey (photo © Christian Nicita)

II – 45’’ :: Di color ambra con riflessi topazio.
Abbastanza intenso e complesso, riconoscimenti di fiori appassiti ed una lieve speziatura timidamente risalgono il bicchiere fermo, non appena il liquore viene scosso, la coda del pavone si apre in tutta la sua complessità. Tornano in maniera più lieve e delicata tutto quanto è emerso nel primo assaggio, in ordine sparso le note di cacao un po’ meno dolce, un miele più duro quasi timo, erbe aromatiche fanno capolino, poi si distendono i ricordi di agrumi e la speizatura, la mineralità che è più evidente.
L’assaggio è decisamente più duro. L’ingresso in bocca potrebbe risultare amaro, se non fosse per la freschezza che viene subito ad alleggerire l’impatto, e la morbidezza, la sinuosità del corpo finisce di ingentilirlo. L’assaggio è denso a differenza del precedente che sembrava inconsistente, questo secondo risulta diametralmente opposto, quasi asfissiante, eppure legante eppure desiderabile, eppure ti invoglia a volerne ancora ed ancora.

Ho fatto altre infusioni con le stesse foglie a tempi crescenti, ancora molto piacevoli, ma che non aggiungevano nulla di più a queste prime due che svelano decisamente il carattere di questo tè.

Voto 5 stelle (*****) 97/100

Questo è un tè che si abbina piacevolmente con formaggi stagionati o semi stagionati come per esempio un Ragusano DOP, oppure pasta con le cozze, oppure  andrebbe bene con dei cornetti alla crema.

Dian Hong – Namastey (photo © Christian Nicita)

Dian Hong – Namastey (photo © Christian Nicita)