Gong fu Cha Tie Guan Yin (photo © Christian Nicita)

Gong fu Cha Tie Guan Yin (photo © Christian Nicita)

Questo forse è il miglior Tie Guan Yin che ho bevuto negli ultimi anni. E questa cosa un po’ mi dispiace, perché so esattamente dove l’ho comprato, ma non so chi lo produce. Immagino che il negozio, The Chinese Tea Company, di Londra in Portobello Road si serva dalla stessa azienda per tutti i tre tipi di Tie Guan Yin, perché nonostante le ovvie diversità questo Tien Guan Yin di giada e quello più tradizionale di cui vi ho parlato, nonostante gli ovvi distinguo dovuti alla produzione, condividono un certo profilo olfattivo che credo sia dovuto al territorio e/o al particolare microclima. Il problema, dal mio punto di vista, è come essere sicuri che l’anno prossimo, o al prossimo raccolto possa trovare il Tie Guan Yin della stessa azienda per poter fare un confronto, chi mi dice che il negoziante non possa decidere ad un certo punto di selezionare un altro produttore?
Purtroppo nessuna garanzia. Ma sarebbe assurdo, del resto lo scopo del venditore al dettaglio è proprio quello di selezionare i prodotti (e vorrei dire anche i produttori) sulla base del “taglio” che ha il suo negozio, della sua clientela, del suo mercato di riferimento.

Eppure mi dispiacerebbe non poter ulteriormente assaggiare questo tè. Ma intanto concediamoci all’assaggio. A proposito del quale devo dire che riporto la prima degustazione che ho fatto, ma di fatto è possibile tenere i tempi invariati, ed aumentare a 5,5 grammi la quantità di tè per un’esperienza più intensa.

Non dimeno, con entrambi le grammature sono arrivato a fare 7 o 8 infusioni senza problema, senza perdere di piacevolezza. Ovviamente i tempi aumentano IV 60’’, V 2’, VI 3’, VII e VIII non ho contato ma sono andato oltre sicuramente.

Gong fu Cha Tie Guan Yin (photo © Christian Nicita)

Gong fu Cha Tie Guan Yin (photo © Christian Nicita)

Origine: Anxi, Fujian, Cina
Produttore: —
Raccolta: Ottobre 2015
Acquistato da: The Chinese Tea Company  — TIE GUAN YIN (IRON GODDESS OF MERCY) – SELECTED GRADE

Gong fu cha5 grammi in teiera di terra di Yxing da 150 ml (5oz) acqua Levissima 90°

0 ::
I — 10’’ :: limpido, giallo paglierino con riflessi verdolino.
Intenso, profuma di fiori bianchi, agitando il bicchiere emerge un profumo complesso, minerale erbaceo, fruttato. Note di pomodoro cotto giacciono sul fondo intrise di mineralità salata come salamoia di olive, più delicatamente si affiancano le note floreali di fiori campo e poi magnolia bianca, e note più fruttate di frutta estiva come nespola e pesca. Decisamente fine ed elegante oltre che tipico.
L’assaggio è delicato, quasi evanescente, la bocca viene invasa e subito abbandonata da un liquore di cui si percepisce il corpo, ed una lieve freschezza. Potrebbe sembrare quasi insignificante, ma poi sul finale di bocca troviamo una intensa pseudo dolcezza che sottende un manto di tannini ruvidi sul palato, ma eleganti al gusto intessuti di sensazioni fruttate e floreali, minerali ed erbacee che appagano la bevuta.

II — 10’’ :: limpido, giallo paglierino con riflessi verdolino.
Intenso, minerale e floreale; complesso ancora molto floreale e fruttato e poi ancora minerale. Il profilo olfattivo è identico a quello della prima infusione, solo molto più intenso e complesso, con più sfumature se vogliamo. Note floreali di magnolia ed altri fuori bianchi tra cui sambuco e glicine, sempre note di pomodoro cotto miste a mineralità ferrosa, e poi salamoia e quindi ricordi fruttati di frutta estiva come nespole e pesche tabacchiere, ricordi di uva ed un lieve accenno di una mineralità che sembra mista a tostatura per un insolito ma affascinante aroma di moca.
L’assaggio è composto, sapido e fresco con una buona pseudo dolcezza che avvolge il tutto il corpo. Abbastanza tannico, nel senso che sul finale i tannini si percepiscono più levigati e setosi rispetto alla precedente infusione. Ma la persistenza risulta più intensa, altrettanto lunga e piacevole nella sua estrema eleganza. Quell’eleganza che non è timida, ma neppure vuole essere invadente, direi piuttosto sicura di sé, del suo essere, del trovarsi al posto giusto, nel modo giusto.

III — 30’’ :: limpido, giallo paglierino con riflessi verdolino
Intenso, minerale e floreale. Complesso il profilo olfattivo è sempre lo stesso ma in evoluzione ora sorprende per alcune note di erbe aromatiche, come timo, rosmarino, nepetella, dragoncello; miste alla minerali ferrosa e poi frutta come di agrumi maturi, come limone interdonato, accenni di spaziatura precedentemente non pervenuti tipo un lieve ricordo di cardamomo.
L’assaggio è meno intenso del precedente, eppure ha una sua forza, freschezza e sapidità sono i principali attori a cui si uniscono la pseudo dolcezza ed i tannini che si fanno sentire anche durante l’assaggio. Il lungo e delicato finale ci fa ritrovare la ruvidezza della prima infusione e questi nuovi ricordi giocati sulla freschezza aggrumata che si accompagnano a quanto già percepito precedentemente per un tè che sorprende, che pur restando tipicamente tie guan yin mostra una ampiezza di sapori e profumi durante questa sua evoluzione.

Voto 5 stelle (*****) 97/100

Abbinamento: crudo di pesce, pesce azzurro da solo, ma anche paste con il ragù bianco di cernia, ravioli al vapore di verdure, gnocchi di zucca con burro e salvia.

Gong fu Cha Tie Guan Yin (photo © Christian Nicita)

Gong fu Cha Tie Guan Yin (photo © Christian Nicita)